06.11 | Alberto Martelli – Piero della Francesca: De Prospectiva Pingendi Viaggio dal Rinascimento verso la metafisica

img30

Piero Della Francesca, nacque a Borgo San Sepolcro nel 1416 ca., fu un pittore dotato di grandissime abilità tecniche e matematiche maturate durante il percorso della sua ricerca prospettica e contabile.

Il percorso della sua ricerca si svolge nell’Italia Settentrionale e nel Centro Italia, partendo da San Sepolcro luogo dove esordì sotto la guida di Antonio d’Anghiari (1430ca.). Segue Firenze grandissimo epicentro culturale del Rinascimento dove entrò a contatto con Domenico Veneziano (Venezia 1410 – Firenze 15 maggio 1461), di cui divenne stretto collaboratore. Seguono le corti di Ferrara, Rimini, e Urbino dove lasciò traccia delle sue opere più importanti. Senza dimenticare Roma dove dipinse alcune opere per la Santa Sede che vennero in seguito distrutte per lasciare posto alle opere di Raffaello Sanzio (Urbino 6 aprile 1483 – Roma, 6 Aprile 1520). Piero Della Francesca morì il 12 ottobre 1492, stesso giorno in cui Cristoforo Colombo raggiunse San Salvador e decretò la data della scoperta dell’America. Il maestro della prospettiva ci lascia un patrimonio raffigurativo di grande valore composto da circa venticinque opere custodite nei più grandi musei, come la Pala di Brera (1474 ca.) e il Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta (1451 ca.). In ultimo scrisse due trattati sulla prospettiva intitolati De Prospectiva pingendi e De quinque corporibus regularibus. Inoltre scrisse un trattato sul calcolo, intitolato Trattato d’abaco.

La conferenza, si concluderà con una seconda parte dedicata ad alcuni frammenti di pellicole cinematografiche di grandi maestri del cinema. Quest’ultime vogliono illustrare al meglio il concetto di spazio/tempo che già Piero della Francesca al tempo anticipava in alcune delle sue opere.

Alberto Martelli

Nato ad Aosta il 05/12/81, dopo la Laurea in Scienze dei Beni Culturali si specializza in Storia dell’Arte, Medievale, Moderna e Contemporanea presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi di ricerca in storia e critica del cinema su Lucio Fulci. I suoi studi e le sue ricerche lo hanno portato a interagire con grandi personalità del mondo del cinema, branca del settore su cui ha focalizzato maggiormente il suo percorso di ricerca.

In passato ha svolto attività di consulenza presso il MAR (Museo Archeologico Regionale della Valle D’Aosta). Inoltre ha prestato servizio presso il Forte di Bard, in particolare per la mostra GOLDEN AGE. RUBENS – BRUEGHEL – JORDAENS Pittura olandese e fiamminga dalla Collezione Hohenbuchau.
In questo momento sta seguendo alcuni progetti legati al mondo del cinema, in particolare convegni e festival.

Tutte le iniziative si terrano ad Aosta presso la saletta Finaosta, 
via Festaz 24 a partire dalle ore 17
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Condividi questo evento!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altro che potrebbe interessarti